callas software lancia la sesta generazione di pdfToolbox

callas software ha annunciato il lancio della 6a generazione del suo prodotto di punta per il preflight: pdfToolbox. La nuova versione comprende nuove funzionalità davvero uniche e innovative, come i “process plan” e numerosi potenziamenti come la rimappatura dei colori e una maggiore stabilità dei processi. La versione server di pdfToolbox 6 consente ora una configurazione su rete e offre supporto per il bilanciamento del carico attraverso un “dispatcher”.

callas pdfToolbox risolve i file problematici durante il preflight oppure con il semplice clic di un pulsante della switchboard. Unione della trasparenza, conversione dei font in outline, inserimento di riquadri di taglio e smarginatura per ottenere la corrispondenza con i segni di stampa, conversione di documenti Office o addirittura di file PostScript direttamente in Pdf, confronto fra versioni diverse di file Pdf, visualizzazione della copertura di inchiostro. La versione precedente offriva già il supporto completo della tecnologia a 64 bit e comprendeva notevoli migliorie prestazionali come una nuova funzionalità batch per elaborare facilmente cartelle complete di file, nonché una funzionalità di confronto visivo per individuare le differenze fra i file Pdf e una funzionalità estesa per la conversione di documenti.

pdfToolbox 6 introduce importanti migliorie per la serie completa di prodotti pdfToolbox
Una delle principali nuove funzionalità di callas pdfToolbox 6 è costituita dai “process plans”. Questa funzionalità consente di integrare la logica nei profili rendendo possible la combinazione di sequenze di passaggi in un singolo profilo. Il passaggio può essere costituito da un controllo preflight, da un’operazione di imposizione, da una correzione ecc. Combinando questi passaggi in un unico profilo consente ad esempio di creare un report o di eseguire una conversione di file solo se vengono soddisfatte condizioni controllate in precedenza. Questa nuova funzionalità davvero unica vi garantisce una flessibilità ancora maggiore; nella versione precedente, tutte le soluzioni venivano invece eseguite prima dei controlli preflight.
Grazie a questa nuova funzionalità, risulta facile creare un profilo che di fatto rappresenta una combinazione di diversi passaggi da eseguire e quindi adatta l’ordine dei passaggi alle esigenze specifiche della sequenza. L’esecuzione di un passaggio dell’elaborazione può essere effettuata in risposta ai risultati dei passaggi precedenti. Una vista dettagliata dei risultati mostra in che modo vengono applicate azioni o correzioni durante l’elaborazione dei file e quali siano i risultati di ciascun passaggio. E, cosa ancor più importante, i “process plan” non si limitano a pdfToolbox Desktop ma possono anche essere utilizzati in pdfToolbox Server 6.

Un’altra importante nuova miglioria è costituita dalla funzione di rimappatura dei colori. I colori spot possono ora essere create dai colori di quadricromia oppure possono essere inseriti negli strati Pdf. Altre migliorie di minore entità sono rappresentate dai controlli estesi, dai fix e dai profili, dall’aumento della stabilità dei processi, dalla possibilità di rimuovere strati da un documento e da una nuova funzionalità per creare file Pdf sicuri tramite il blocco dei medesimi.

pdfToolbox Server: configurazione e gestione in rete utilizzando pdfToolbox Desktop
callas pdfToolbox Desktop 6 offre ora la possibilità di collegarsi a un pdfToolbox Server locale, in esecuzione su una diversa macchina in un qualsiasi punto della rete locale. Non è più necessario esportare i profile da pdfToolbox Desktop per poterli utilizzare con pdfToolbox Server. Può esserci una connessione diretta fra pdfToolbox Desktop 6 e uno o più server pdfToolbox presenti nella reta in modo che le configurazioni di profili e hot folder possano essere effettuate con pdfToolbox Desktop mentre l’effettiva elaborazione è in esecuzione su un altro server. Tutto ciò grazie a una comunicazione basata su IP in modo da consentirvi di gestire senza difficoltà l’automazione all’interno di una rete locale.

Supporto per il bilanciamento del carico tramite dispatcher
È addirittura possibile eseguire il bilanciamento del carico tramite una nuova modalità “dispatcher” all’interno della quale si può utilizzare pdfToolbox. Quando pdfToolbox 6 viene utilizzato come “dispatcher”, ad esso si può collegare un numero a piacere di “satellite”. In pratica, un satellite è un normale server che elabora i file; il “dispatcher”, invece, è un server che non elabora i file ma li riceve in apposite cartelle lavori per poi inviarli ai satelliti in cui avviene l’elaborazione. In altri termini, nel “dispatcher” avviene la definizione dei lavori ed esso provvede poi a distribuire le attività da eseguire. Questo consente sia il bilanciamento del carico sia configurazioni failover in modo da non interrompere l’elaborazione anche in caso di spegnimento di uno dei satelliti.

Comments are closed.

Design and customization: Strelnik | Web Agency