Vittoria di Durst nella controversia sui brevetti in Germania

Dopo anni di controversie relative ai modelli di utilità e ai brevetti, che hanno visto protagonisti da un alto Durst Phototechnik e dall’altro EFI GmbH e EFI International, Durst è uscita vincitrice dal processo di prima istanza per la violazione dei brevetti, che riguardava il brevetto tedesco DE 10 2005 006 092 B4 (“brevetto contestato”), che è stato celebrato al Tribunale di Düsseldorf. Quest’ultimo, infatti, con la sentenza del 28.02.2013, Az: 4a O 107/11 si è espresso in favore di Durst, l’inventore delle testine di stampa con disposizione sovrapponibile per le tinte bianche e colorate.

Sulla base dell’azione legale presentata da Durst, il Tribunale di Düsseldorf ha sancito che EFI GmbH ed EFI Inc. cessino le attività di vendita, distribuzione e utilizzo dei dispositivi di stampa della serie QS e GS, in tutto il territorio della Repubblica Federale Tedesca. Ha stabilito, inoltre, che EFI GmbH cessi di utilizzare tali dispositivi per eseguire la procedura di applicazione del colore di fondo bianco a un supporto di stampa, così come la successiva attività di applicazione del colore in tutto il territorio della Repubblica Federale Tedesca. Il Tribunale ha altresì stabilito il divieto per EFI GmbH di offrire e/o fornire ad acquirenti operanti nel territorio della Repubblica Federale Tedesca i dispositivi di stampa adatti a svolgere le procedure sopra descritte, senza fare riferimento al momento dell’offerta al fatto che il dispositivo di stampa deve essere necessariamente utilizzato previa autorizzazione da parte di Durst per lo svolgimento di tale procedura; oppure, in sede di consegna all’acquirente, EFI GmbH dovrà imporre l’obbligo per iscritto di utilizzare i dispositivi di stampa esclusivamente previa autorizzazione di Durst per lo svolgimento della procedura descritta sopra, con l’imposizione del pagamento di una penale pari a € 25.000,000 a favore di Durst per ogni dispositivo di stampa utilizzato in violazione del brevetto. La sentenza non è passata in giudicato, poiché EFI ha ancora la possibilità di fare ricorso in appello.

La legittimità del brevetto contestato è stata confermata senza riserve dall’ufficio tedesco dei brevetti e dei marchi, nel corso di un procedimento d’opposizione che si è concluso ed è passato in giudicato da più di due anni.

Nel contesto del ricorso per l’annullamento pendente che è stato presentato da EFI Inc. presso il Tribunale federale dei brevetti, la legittimità del brevetto contestato verrà verificata nuovamente. Fino a questo momento non è stata presa alcuna decisione. Tuttavia, in seguito a un esame sommario, il Tribunale di Düsseldorf ha stabilito, nella sentenza emessa in data 28.02.2013, che un abbandono del processo di violazione in relazione al ricorso per l’annullamento non è da prendere in considerazione, poiché con molta probabilità il brevetto contestato non sarà annullato.

Comments are closed.

Design and customization: Strelnik | Web Agency