Doxee si presenta ufficialmente: un caso in cui si nasce già grandi

Non vuole richiamare Benjamin Button, protagonista di una storia di fantasia in cui si nasce vecchi e si cresce ringiovanendo. Ma sembra la storia di Doxee – nata nel 2001 col nome di eBilling e un’offerta di soluzioni di Customer Communication Management (CCM) e di Document Output Management (DOM), e diventata una presenza globale con fra i propri clienti numerose imprese di telefonia, assicurazioni, enti governativi e banche – che si è presentata il 21 settembre a Modena come società nuova, con un nuovo brand, ma con un processo di continuità assoluto con il precedente marchio. Tanto è vero che anche Luca Cristofaro (uno dei relatori che ha colpito la platea raccontando il caso di studio di Fastweb con i suoi 64 registri sezionali e i circa 7.000.000 di pagine conservate in modalità elettronica nel 2011) ha detto nella sua presentazione: “ma io continuo a chiamarvi e-Billing perché sono 8 anni che appena vi contatto mi risolvete i problemi”.

Il Doxee  Global User Summit 2012 inizia nel Museo Casa Ferrari di Modena, ed è Davide Boni (Marketing Director di Doxee e conduttore della giornata) ad aprire con il collegamento al mondo dei motori, anticipando come le diverse sessioni avrebbero permesso di ‘guardare nel cofano’ della macchina che rappresenta il mondo dell’innovazione elettronica e digitale per la Customer Communication.

Customer Experience Management e strategie per il Business sono stati oggetto dell’intervento di Andrea Negrini che ha sottolineato l’importanza oggi di gestire le aspettative del cliente non attraverso delle funzioni di Customer Satisfaction singole e distinte per ogni divisione all’interno dell’azienda, ma con un approccio unico univoco che si adatta mano a mano a ciò che il cliente si aspetta, ascoltandolo e ascoltando ciò che le altre divisioni dell’azienda imparano dal cliente.

Un cambiamento radicale nell’approccio alla gestione del cliente, che anche Kemal Carr, Presidente di Madison Advisors,  ha sottolineato nella sua analisi dei trend mondiali relativi all’Output Customer Communication Management. In questo studio, che riporta anche le valutazioni del Madison Advisory Study sull’offerta di soluzioni nel mercato, Doxee infatti appare ai primi posti in termini di completezza del prodotto.

E’ Daniele Marazzi del Politecnico di Milano a confermare il motivo per cui è importante parlare di questi argomenti. Tre soli dati da citare qui per capire l’entità delle opportunità: sono 45 miliardi i documenti di business dematerializzabili in un anno in Italia, per un totale di circa 600 miliardi di pagine. Sono circa 40 miliardi di Euro le potenzialità del mercato PA e dei documenti che toccano le relazioni PA e cittadino e sono 160 miliardi di Euro la potenzialità del mercato delle imprese.

Un mercato da raggiungere in fretta, dunque. Forse per questo Doxee ha scelto il Museo Casa Ferrari di Modena e la Galleria Ferrari di Maranello per intrattenere i propri ospiti in una giornata ricca di contenuti e di possibilità di relazioni con grandi clienti e con grandi esperti.

Un resoconto più approfondito dell’evento e delle sue tematiche sarà presente sul numero di Novembre/Dicembre di DDm, sia in versione cartacea che sfogliabile online.

Comments are closed.

Design and customization: Strelnik | Web Agency