Kba: punto d’incontro per le tipografie offset e digitali

Come già più volte annunciato in occasione dell‘evento pre-Drupa presso lo stabilimento di Radebeul a Marzo, Koenig & Bauer AG (Kba) ha presentato con il motto del drupa “sprinting ahead” tante novità per la stampa digitale e offset su un’area di 3.500 m² nel Padiglione 16.

Tra le novità nuove serie automatizzate di macchine per offset a foglio in tutti i formati, un impianto offset a foglio ibrido con unità di stampa a getto d’inchiostro incorporata, nuove macchine offset a bobina per la stampa di packaging e quotidiani e la nuova rotativa a getto d’inchiostro Kba RotaJET 76. Ed è proprio con questa che Kba, 200 anni dopo il lancio della prima macchina da stampa pianocilindrica al mondo dei fondatori dell’azienda, fa il suo ingresso nel settore della stampa digitale industriale. 

Alla conferenza stampa Kba della prima giornata della fiera, il Presidente del CdA di Kba, Claus Bolza-Schünemann, ha ricordato la labile situazione economica del 15° drupa e il cambiamento dell’industria dei mezzi di stampa che viene accelerato dalle nuove tecniche, dai servizi online, dagli stampatori Internet e dalla stampa digitale. 

L’iniziale confronto tra online e stampa ossia tra stampa analogica e stampa digitale sfocerà sempre più in una coesistenza costruttiva.  Kba dipingerà il futuro della tipografia attivamente e con spirito innovativo.  “Digital joins Offset” non è un messaggio in codice dello stand Kba. Entrare nel mondo della stampa digitale con un prodotto tutto nostro non significa uscire dal settore della stampa offset a foglio e a bobina, solo così potremo offrire obiettivamente ai nostri clienti la soluzione per loro migliore.  Grazie alla sua solidità finanziaria e al grande know-how tecnologico, Kba sarà in grado di rafforzare ulteriormente la propria posizione nel consolidamento del settore ancora in corso”.

Il direttore del marketing Klaus Schmidt ha aggiunto che, con lo slogan “sprinting ahead”, le dimensioni dello stand invariate rispetto al 2008 e le numerose novità Drupa, si intende mettere in evidenza che si intravedono ottime chance per il settore tipografico anche in un epoca multimediale.
 

RotaJET 76: getto d’inchiostro high volume “Made by Kba”
La RotaJET 76, progettata dai professionisti dell’offset insieme ad un gruppo tipografico americano e costruita presso la sede centrale di Kba a Würzburg, è l’unica macchina rotativa costruita in Germania per la stampa digitale industriale. Con una velocità di 150 m/min. (500 ft/min.) e una larghezza del nastro di 781 mm è in grado di stampare fino a 3.000 pagine DIN A4 al minuto (ca. 85 milioni di pagine DIN A4 al mese) in quadricromia con un’ottima qualità. Secondo quanto racconta il project manager Oliver Baar, la RotaJet 76 abbina meccanica di precisione con potenti hardware e software e l’ultima tecnologia di stampa piezoelettrica a getto d’inchiostro per creare un mezzo di produzione industriale per piccole tirature e la stampa personalizzata.

Dove c’è scritto Kba, c’è Kba anche dentro”, ha aggiunto il presidente del CdA Claus Bolza-Schünemann riferendosi ai prodotti OEM venduti con un altro nome in questo segmento di mercato.

Con la RotaJET, Kba punta nella prima fase ai segmenti di mercato di libri, brochure, prodotti commerciali, mailing e riviste. Successivamente seguiranno anche altri segmenti come la stampa dei packaging o dei quotidiani. Ci si concentrerà meno, invece, sul settore della stampa di documenti fiscali e contabili, già occupato da svariati fornitori, anche a causa delle prospettive a medio termine piuttosto incerte. Accanto alla qualità di stampa, Oliver Baar ha indicato come vantaggi di valore economico della Kba RotaJET la costruzione più robusta, la qualità della messa a registro grazie alla conduzione del nastro, la compattezza, la necessità di un solo operatore per il comando e la capacità di produrre copie vendibili anche all’avvio e allo spegnimento della macchina. I due set da 56 testine di stampa a getto d’inchiostro ciascuno (complessivamente 112) per la stampa in quadricromia sui due lati sono disposti ad arco sopra grandi cilindri centrali e sono amovibili per consentire i lavori di pulizia e manutenzione. Le testine di stampa vengono allineate (stitching) e pulite automaticamente. Le dimensioni variabili delle gocce d’inchiostro apportano un ulteriore vantaggio in termini di qualità. La comunicazione all’interno della macchina con sistemi esterni avviene secondo lo standard JDF, oggi consueto anche nell’offset. Si produrrà in modo variabile con il flusso di lavoro Adobe APPE (Adobe PDF Print Engine) già ampiamente diffuso. Con il suo potente front end, la RotaJET 76 è in grado di produrre a massima velocità in quadricromia e variabilmente anche in presenza di una grande quantità di dati.

Al drupa, la nuova macchina a bobina digitale di Kba ha prodotto riviste e brochure pubblicitarie raccolte e cucite in linea con il sistema di finitura SigmaLine di Müller Martini.
 

Offset a foglio: novità in tutte le classi di formato
La macchina offset a foglio più grande dello stand Kba era una Rapida 145 a sei colori rialzata della nuova generazione jumbo con torre di verniciatura e logistica di impilaggio automatizzata; la più lunga era una Rapida 106 con dodici gruppi di stampa, verniciatura ed essiccazione per la stampa 4 su 4 con verniciatura bilaterale del foglio in linea; la più nuova e più moderna nel mezzo formato era una Rapida 76 a cinque colori con azionamento diretto dei cilindri portalastra, alimentazione senza squadra e altre caratteristiche tecniche riprese dalla Rapida 106. 

Rapida 145: la nuova classe di potenza nel formato grande
La velocità massima di produzione della Rapida 145 (formato:  106 x 145 cm) nella stampa in bianca con pacchetto alta velocità è di 17.000 fogli/h e nella stampa in bianco e volta grazie alla nuova inversione a tre tamburi è di 15.000 fogli/h. Kba ha trasferito nel nuovo formato grande anche numerose caratteristiche esclusive della campionessa in tempi di allestimento Rapida 106. La Rapida 145 al drupa ha stampato con l’alimentazione senza squadra DriveTronic SIS e la tecnologia a motori indipendenti DriveTronic SPC che consente di cambiare le lastre contemporaneamente in tutti i gruppi di stampa in circa un minuto. Il lavaggio dei rulli e dei cilindri portacaucciù e di contropressione contemporaneo al cambio delle lastre grazie al CleanTronic Synchro (due traverse di lavaggio), il nuovo programma per il lavaggio rapido del gruppo inchiostratore CleanTronic ReInk ed altri processi sincronizzati accelerano il cambio degli ordini di oltre il 50% rispetto alla serie precedente.

Una delle caratteristiche esclusive della Rapida 145 è la nuova torre di verniciatura con cambio delle lastre simultaneo (DriveTronic SFC) e lo sleeve dei cilindri retinati (AniSleeve) che può essere sostituito rapidamente e da un solo operatore grazie al suo peso ridotto.

L’elevata velocità di produzione di 17.000 fogli/h si raggiunge grazie alla nuova uscita AirTronic preimpostabile dal pulpito di comando con guidafogli Venturi in alto e frenafogli dinamico nonché una nuova camera racla nella torre di verniciatura (HighFlow Chamber). La nuova Rapida in formato grande, inoltre, è dotata anche di una messa a registro in linea (QualiTronic ICR). Con il QualiTronic PDF si può anche confrontare in linea il foglio stampato con il PDF originale. In futuro, i forni di essiccazione Kba VariDryBLUE a basso consumo di energia saranno disponibili anche per il formato medio.

Rapida 106: adesso stampa fino a 20.000 fogli/h

Grazie al pacchetto alta velocità, la Rapida 106 è in grado di raggiungere una tiratura massima di produzione di 20.000 fogli/h nella stampa in bianca e di 18.000 fogli/h in bianca e volta. Tra le tante novità di questa macchina altamente automatizzata troviamo il cambio simultaneo delle lastre di verniciatura (DriveTronic SFC), il cambio automatico dei cilindri retinati (AniloxLoader), l’uscita AirTronic ottimizzata per le alte velocità nonché un pulpito di comando ErgoTronic completamente nuovo con wallscreen orientato all’operatore ed una serie di nuovi moduli per la misurazione e la regolazione on-line e in linea della qualità. Il modulo QualiTronic PSO-Match sviluppato insieme al sistema Brunner consente di controllare la produzione in modo automatico e secondo lo standard per il processo di stampa offset. 

Il ponte verso la stampa digitale: Rapida 105 con unità a getto d’inchiostro
Con la Rapida 105, Kba ha presentato una serie completamente nuova anche per il formato medio. L’uscita highline della macchina a cinque colori esposta con un gruppo di verniciatura ed un gruppo a getto d’inchiostro ha dimostrato la stretta parentela con la Rapida 106. Qui Kba si è orientata alla strategia di piattaforme dell’industria automobilistica. Rispetto al modello precedente, però, la nuova Rapida 105 ha più accessori di automazione. La velocità massima di produzione con il pacchetto alta velocità è di 17.000 fogli/h (standard: 16.000 fogli/h). La nuova Rapida 105 è disponibile anche come macchina a rovesciamento per la stampa 4 su 4 e 5 su 5. L’inversione del foglio a tre tamburi si basa sulla moderna tecnologia della Rapida 106. 

La vera novità della fiera, però, era la dotazione della macchina offset con una unità di stampa a getto d’inchiostro nella quale erano integrati due sistemi Delta 105iUV di Atlantic Zeiser e il forno di essiccazione UV LED per sovrastampe e codifiche personalizzate. Ciò è stato possibile grazie ad un’altra caratteristica esclusiva di Kba, ossia il cosiddetto AirTronic Drum. Un cilindro aspirante con pinze ribassate fissa il foglio senza corridoi e rulli pressori in modo che la coda del foglio non si sollevi e da potere installare sistemi a getto d’inchiostro ad una distanza di un solo millimetro dal foglio.

Le possibilità di applicazione vanno dalla marcatura del foglio per il monitoraggio della qualità con la stampante a getto d’inchiostro alphaJET-tempo di Kba-Metronic alle codifiche per la protezione dei brand (codici a barre, codici QR, codici numerici o combinazioni). Campi di applicazione possono essere la stampa di carte valori, packaging, etichette, biglietti della lotteria, stampati pubblicitari o pubblicazioni. In un gruppo di stampa della Rapida 105 o 106 si possono installare fino ad otto testine a getto d’inchiostro della Atlantic Zeiser, adatte anche a materiali laccati, laminati, lucidi e non assorbenti. Un MiniController consente di utilizzare il sistema per processi di codifica, ispezione e assicurazione della qualità. Per la verifica di dati variabili e il controllo della qualità è disponibile un sistema video ad alta velocità. Un accessorio interessante per gli stampatori di packaging è la marcatura dei fustellati con ispezione dei fogli in linea del Kba QualiTronic MarkPlus. I fustellati difettosi su un foglio possono essere scartati automaticamente in fase di finissaggio, ad esempio nella piegatrice-incollatrice.

Il Kba AirTronic Drum consente di integrare altri processi nel campo della finitura. Un esempio attuale è l’essicazione inerte in una Rapida 106 da 19 gruppi recentemente ordinata dalla Amcor Tobacco Packaging di Rickenbach, in Svizzera. Al drupa, Kba ha presentato il ponte di collegamento tra la Rapida 105 e la der RotaJET. Una copertina stampata sulla Rapida 105 con numerazione individuale è stato unito nel sistema SigmaLine di Müller Martini alla parte interna prodotta sulla RotaJET 76 in un prodotto cucito variabile da 52 pagine.

Nuova Rapida 76: tecnologia all’avanguardia della Rapida 106 nel mezzo formato
Nel mezzo formato da 53 x 75 cm, la Rapida 75 in versione perfezionata è stata affiancata dal nuovo impianto high end Rapida 76. La Rapida 76, disponibile come macchina a cinque colori con torre di verniciatura e fino a dieci gruppi di stampa produce nella stampa in bianca fino a 18.000 fogli/h e 15.000 fogli/h in bianca e volta ed è dotata di gran parte degli accessori di automazione della Rapida 106, tra cui, esclusivi per questa classe di formato, l’alimentazione senza squadra DriveTronic SIS, i cambialastre automatici FAPC, i motori indipendenti per i cilindri portalastra DriveTronic SPC, il lavaggio sincronizzato con CleanTronic Synchro, il sistema di misura e regolazione dell’inchiostro on-line ErgoTronic ColorControl sul nuovo pulpito di comando, la misura e regolazione dell’inchiostro in linea QualiTronic ColorControl e tanti altri ancora. Nella Rapida 76, Kba ha installato la tecnologia d’avanguardia del formato grande anche nel mezzo formato. La nuova macchina, quindi, è interessante sia per gli stampatori di prodotti commerciali che di packaging.

Varius 80: nuova macchina offset a bobina per packaging flessibili
Anche la società affiliata Kba-MePrint ha presentato un nuovo sviluppo per il mercato in crescita dei packaging flessibili. La nuova Varius 80 è una macchina offset a bobina in formato variabile a struttura modulare che produce con il metodo offset senz’acqua con gruppi inchiostratori senza viti ed essiccazione UV. Questa combinazione consente di lavorare con un’eccellente qualità di stampa su materiali flessibili non assorbenti con scarti ridottissimi e, rispetto ai costosi sleeves della stampa flessografica, con lastre offset nettamente più economiche. La Varius 80 senza viti del calamaio produce con inchiostrazione piena già dopo 100 metri, con un risparmio di fogliacci del 80% circa rispetto ad altre macchine. Un aspetto alquanto vantaggioso per tirature sempre più piccole e frequenti cambi degli ordini. La maggiore qualità della stampa offset rispetto alla stampa flessografica va incontro alle esigenze di numerosi committenti. Anche l’ambiente ne trae vantaggio: la Varius 80, infatti, non necessità di acqua né di solvente o scartino. Con una larghezza massima del nastro di 800 millimetri ed una velocità di produzione di 400 metri al minuto, essa stampa supporti da 30 a 800 µm di spessore con una lunghezza di stampa variabile da 21 a 34”. Grazie al cambio automatico dei cilindri portalastra e portacaucciù può essere modificata la lunghezza di formato. Un cambio di ordine dura circa sei minuti.

Innovazioni anche nell’offset a bobina: C16 e Commander CL
Anche nell’offset a bobina per la stampa commerciale e di quotidiani, Kba ha presentato nuovi sviluppi volti a soddisfare le odierne esigenze del mercato. È stata presentata per la prima volta un’unità di stampa compatta della nuova rotativa per quotidiani Commander CL ad automazione modulare con cambialastre semi e completamente automatico insieme ad un nuovo pulpito di comando ErgoTronic. Su un gruppo di stampa della macchina a bobina commerciale da 16 pagine Kba C16 è stato dimostrato il cambio completamente automatico delle lastre in meno di un minuto. La C16 è progettata per rapidi cambi di ordine e scarti ridotti delle tirature piccole e medie. Caratteristiche esclusive come i blocchi dei rulli automatici riducono l’intensità della manutenzione. Ciò vaole anche per il nuovo modulo per la piega in quarto fino a 65.000 giri cil./h e il pulpito di comando con nuove funzioni per un avvio e uno spegnimento dell’impianto ottimizzando tempi e scarti. A Düsseldorf sono state presentate entrambe le novità.

Comments are closed.

Design and customization: Strelnik | Web Agency