Macchine tessili, primo trimestre in forte crescita in Italia

L’indice degli ordini per le macchine tessili è cresciuto nel primo trimestre del 2016 grazie soprattutto alla spinta proveniente dal mercato italiano. In base all’indagine congiunturale condotta da ACIMIT, l’Associazione dei costruttori italiani di macchine tessili, nel periodo gennaio-marzo 2016 la raccolta ordini complessiva è aumentata del 3% rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente. Il valore dell’indice nel primo trimestre 2016 si è attestato a 93,6 punti (base 2010=100).

La crescita ha riguardato solamente l’Italia, dove l’indice ha fatto segnare un valore assoluto di 65 punti (+82% rispetto a gennaio-marzo 2015, periodo che aveva segnato il punto più basso della raccolta ordini degli ultimi anni). All’estero il valore assoluto dell’indice si è attestato a 100 punti, con una diminuzione del 3% sul medesimo trimestre 2015.

ACIMIT_grafico

Il presidente di ACIMIT Raffaella Carabelli sottolinea l’incoraggiante segnale proveniente dal mercato interno: “E’ sicuramente un dato positivo quello indicato dall’indagine ACIMIT. E’ la conseguenza anche di quanto visto all’ultima ITMA, svoltasi a Milano lo scorso novembre. Molte aziende tessili italiane hanno ripreso ad investire, grazie soprattutto al supporto dato dal Governo con gli strumenti messi a disposizione per incentivare l’acquisto di macchinari: nuova Sabatini e super ammortamento”.

Meno incoraggiante appare la situazione dei mercati esteri. “L’attuale situazione economica mondiale non induce all’ottimismo, commenta la Presidente di ACIMIT. "La ripresa del mercato cinese nel 2015 è tutta da verificare. Altri Paesi asiatici, quali il Bangladesh, che hanno investito molto l’anno scorso mostrano segnali di rallentamento. Per il 2016 è probabile attendersi una crescita a macchia di leopardo.”

Comments are closed.

Design and customization: Strelnik | Web Agency