I Big Data sono la chiave per combattere le frodi

Secondo un recente studio condotto da Forrester Consulting per conto di Xerox, le società di servizi finanziari stanno incrementando le iniziative a favore dell’impiego dei Big Data per combattere la frode. Quasi la metà (48%) degli IT e dei decisori economici intervistati nel settore finanziario hanno dichiarato che, nei prossimi 12 mesi, analizzeranno gli storici dei clienti per identificare e affrontare potenziali comportamenti fraudolenti. In aggiunta, la sicurezza dei dati e la privacy sono considerate come le sfide principali per le società di servizi finanziari (44%). Con la General Data Protection Regulation (GDPR), la cui entrata in vigore è prevista entro il 2017, le procedure riguardanti la privacy dei dati tenderanno in futuro a diventare più rigide per le imprese.

"Quando sono coinvolti i dati finanziari dei clienti, individuare e comunicare la frode è una sfida importante e delicata”, afferma Craig Saunders, direttore dell’Analytics Resource Center presso Xerox Consulting and Analytics Service. “Molte aziende si stanno accorgendo della necessità di investire in infrastrutture tecniche che permetteranno loro di esplorare le informazioni sul singolo cliente, identificando modelli e notando rapidamente eventuali cambiamenti. È incoraggiante notare che questo tipo di lavoro rimarrà una priorità per i prossimi anni.”

I risultati seguono uno studio più generico relativo al metodo delle organizzazioni europee dei Big Data, anch'esso commissionato da Xerox e condotto da Forrester Consulting. Questo studio si basa sui risultati di 90 grandi aziende finanziarie, in particolare quelle del settore bancario, dei servizi finanziari e assicurativi.

La mancanza di normativa e di competenze
Oltre all’individuazione di casi di frode, un’altra sfida importante per i fornitori di servizi finanziari è quella di soddisfare le aspettative in continuo aumento per una compliance normativa (43%) e processi di reportistica (42%). Con una tale esigenza di trasparenza dei sistemi finanziari non sorprende che le imprese ritengano che l’approvvigionamento di competenze tecniche appropriate (41%), in futuro, costituirà un problema significativo. A tal fine, un terzo (33%) degli intervistati prevede di assumere più ingegneri e data scientist nel corso dei prossimi 12-24 mesi. Ma questo può servire solo a mascherare il problema più grande. Come rivela lo studio di Xerox, più di due terzi (69%) delle aziende di servizi finanziari si imbattono ancora in dati imprecisi all’interno dei loro stessi sistemi; ciò significa che potrebbe essere necessaria una completa pulizia interna prima che le società possano acquisire accuratamente le informazioni rilevanti e necessarie  dai propri dati. Nei prossimi 12 mesi investimenti più importanti nell’intermediazione finanziaria e nell’analisi del rischio (65%) contribuiranno ad individuare successive frodi. Ma per quanto riguarda il miglioramento di dati già esistenti lo studio ha rivelato che, in particolare per le società di servizi finanziari, il 28% degli intervistati prevede di collaborare con i fornitori esterni per aumentare i progetti sui Big Data.

Saunders ha aggiunto: "L’idea di affidarsi a dati imprecisi è il peggiore incubo di ogni dirigente finanziario, per questo motivo la maggior parte delle aziende si sta muovendo verso l’adozione dei Big Data come strategia cross-organizzativa. Se adottati correttamente, tramite i partner giusti, i Big Data permetteranno alle aziende di scoprire presto un gran numero di insight per risolvere errori precedenti e fornire anche opportunità per migliorare i servizi esistenti".

Comments are closed.

Design and customization: Strelnik | Web Agency