In Amazon Europa l’ebook sorpassa il libro di carta,

Ebook contro carta: 114 a 100. Nella sua partita per affermarsi — a colpi di nuove collane digitali, titoli autopubblicati, sconti selvaggi — il libro elettronico mette a segno un punto importante: Amazon, il gigante dei siti di vendita online, annuncia — prima volta in Europa — che nella versione britannica dello store si vendono più ebook che volumi in formato tradizionale.

Centoquattordici titoli digitali per ogni cento di carta (sia economici che hardcover), fa sapere il gruppo, che non fornisce però dati assoluti né cifre sul fatturato. Esclusi dal conto gli ebook gratuiti, compresi invece i libri cartacei di cui non esiste una versione elettronica. Finora lo stesso sorpasso — sempre all’interno dell’universo Amazon — era avvenuto solo negli Stati Uniti, nel maggio 2011.

Lo store britannico vende dal 1998 i libri di carta, dal 2010 quelli digitali. Secondo il modello di business dell’azienda di Seattle, i titoli elettronici sono disponibili nell’apposito formato per il Kindle (il dispositivo del gruppo per la lettura degli ebook).

“Adesso i clienti scelgono più libri digitali che stampati, nonostante il giro d’affari del cartaceo continui a crescere“, commenta Jorrit Van der Meulen, vicepresidente di Kindle Europa. “Negli Stati Uniti abbiamo tagliato questo traguardo in meno di quattro anni dal lancio del nostro ereader. Nel Regno Unito in appena due.”

Complice del sorpasso, la discussa — anche in Italia — trilogia del momento: con Cinquanta sfumature di grigio, di nero e di rosso, la britannica E. L. James vende oltre 2 milioni di ebook in quattro mesi su Amazon.co.uk.

Sempre secondo il gruppo di Seattle i clienti di ebook «leggono di più»: i possessori del Kindle, è scritto nel comunicato ufficiale di Amazon, «comprano libri quattro volte di più di quanto facessero prima di avere l’e-reader».

Un simile sorpasso su Amazon.it (lo store italiano) non sembra invece un’ipotesi plausibile a breve termine. Secondo la società di consulenza A. T. Kearney. «In Italia l’ebook copre attualmente l’1,5 per cento circa del mercato complessivo dei libri, contro il 15 per cento della Gran Bretagna e il 25 per cento degli Stati Uniti». Pesano inoltre i fattori di rallentamento che fin dall’inizio hanno condizionato l’universo digitale italiano come la lingua non internazionale, la limitata diffusione di tablet ed ereader, il numero di ebook ancora troppo basso. Alla fine del 2011 in Gran Bretagna erano disponibili 400 mila titoli digitali. In Italia solo 15 mila.

Comments are closed.

Design and customization: Strelnik | Web Agency